Menu

Friends

sabato 21 maggio 2016

Vaneggiamenti di una Scribacchina 27: "Guest-post: La Fantascienza"


“I have never listened to anyone who criticized my taste in space travel, sideshows or gorillas. When this occurs, I pack up my dinosaurs and leave the room.”   

 ― Ray Bradbury


Siamo giunti alla ventisettesima uscita vaneggiante di questa rubrica letteraria e oggi, miei cari lettori, ho per voi un altro stupendo guest-post firmato da un’autrice davvero brillante che ci ha regalato bellissime storie e ci fa dono adesso di un imperdibile articolo scribacchinoso sulla fantascienza.

Senza ulteriori indugi, lascio campo libero ad Angela con il suo personale vaneggiamento!   

 <3 :)


-
-
-
-

                               La Fantascienza



 
Sono Angela C. Ryan, un’autrice, o detta tale, di romanzi Fantasy, Sci-Fi e Romance contemporanei. 

Ho accettato con piacere l’invito di Cettina a parlarvi di un genere che mi appassiona molto e che mi scorre nelle vene (giusto per enfatizzare e rendere più drammatica la cosa).

 Parliamo di fantascienza e affini. Non ho la presunzione di riconoscermi completamente dotta sul genere, probabilmente molti di voi ne sapranno più di me, ma di sicuro sono un’attenta osservatrice. 

Non vi annoierò con nozioni storiche, non vorrei leggerle nemmeno io al posto vostro. Posso solo dirvi che il genere letterario fantascientifico vanta origini nel lontano primo novecento. 

In termini puramente scientifici addirittura nel ‘500. Ricordate Newton, Galileo e compagnia bella? Ricordate la Rivoluzione Scientifica? Cose che ho imparato a scuola e che, essendo un’appassionata sono riuscita a trattenere nella testa.

 I primi autori che si sono approcciati al genere e che sono degni di nota sono di certo Jules Verne con le sue opere Viaggio al centro della Terra, Il giro del mondo in 80 giorni, Ventimila leghe sotto i mari (tutti romanzi che ho letto, giuro), Mary Shelley e il suo capolavoro Frankestein (quella donna era un genio, lasciatemelo dire). 
Perché il genere fantascientifico ha cominciato a prendere piede dopo secoli di rinascimento e romanticismo? Perché le scoperte scientifiche - la terra è tonda, la fusione fredda ecc. -  personaggi come Galileo o come Nikola Tesla, hanno cominciato a instillare nelle sinapsi della gente che il mondo può essere molto più di quello che è, anche solo immaginandolo.

 Il romanzo fantascientifico si è sviluppato grazie a questo, per la voglia di scoperta, per la spinta a desiderare cose nuove, impossibili, tipiche dell’indole umana. L’universo è così vasto che immaginarvi storie, alieni provenienti da altri pianeti (vedi Superman) risulta piuttosto facile per qualcuno. 

Scriverli e raccontare vite di personaggi che mai potremmo vedere qui, davanti a noi (forse) è ancora più divertente. Steampunk, cyberpunk, e oggi il più moderno distopico, sono tutti sotto generi di mamma Fantascienza che li raccoglie tutti sotto la sua enorme ala. 

È un genere che ha sempre funzionato perché si è sempre rivolto a un pubblico giovane, soprattutto quando ha cominciato a svilupparsi con i fumetti (Marvel, DC per citare i BIG), ma di questo parleremo un’altra volta. I supereroi meritano un articolo a parte perché… be’… sono supereroi. 

Science Fiction. Fantascienza. Il felice connubio tra elementi fantastici ed elementi scientifici che si basa su storie impossibili, rese verosimili proprio dall’elemento scientifico. 

Il genere fantascientifico solitamente adotta un registro lessicale specifico, con riferimenti a scoperte scientifiche che permettono al lettore di “credere” a ciò che legge o, nel caso della Science fiction e il cinema, a ciò che vede.

 Ovvio che è difficile pensare che un’orda di alieni assassini mollicci, verdognoli, con gli occhi neri a palla, possa invadere la terra e che Will Smith ci salvi tutti con la sua astronave super figa, ma per le due ore del film, è facile pensare che è veritiero quello che si vede. La fantascienza si propone anche di porre alla collettività dei quesiti sulla vita e sul genere umano. 

In fondo, è proprio da questi quesiti che sono nate le più grandi scoperte. Se Galileo (torniamo sempre là) non si fosse fatto delle domande, chissà, forse a quest’ora la MSC e la COSTA crociere non esisterebbero, perché si penserebbe ancora che oltre l’orizzonte si finisce di sotto. Ok, sto esagerando, ma il concetto resta.

Il cinema, ma non solo, fumetti, manga, anime, ci offrono una vasta gamma di capolavori fantascientifici. E qui vado in brodo di giuggiole. I Giapponesi ci hanno costruito un impero su un particolare genere di fantascienza: quello dei ROBOT. 

Tutti abbiamo lanciato almeno un’alabarda spaziale nella vita, tutte abbiamo desiderato le tette a punta di Venusia, o di viaggiare sull’Arcadia con Capitan Harlock e scoprire i suoi turbamenti. 

Va bene, mi sto addentrando nel fantasy romance, ora. Perdonatemi, è l’altra parte di me. La vena romantica è difficile da tenere a bada.

Bene, credo di avermi annoiato abbastanza. Per ora chiudo qui, ma ci risentiremo presto. Tornerò a parlarvi di un paio di ragazzi degni di attenzioni. Tipo Superman, Iron man, Capitan America… personaggini così, insomma. 

Grazie di cuore a Cettina per avermi ospitata sul suo blog e a voi per aver letto i miei vaneggiamenti. Alla prossima.


-
-
-
-



Carissimi lettori sono di nuovo io :)

Ringrazio la carissima Angela per il suo interessantissimo intervento che spero vi sarete gustati quanto me.

Come anticipato da lei stessa, questo non sarà l’unico guest-post firmato dalla sua penna. Angela tornerà, infatti, prossimamente per parlarci di un genere di personaggi molto amato, quello dei super-eroi. 

Non perdetevelo, mi raccomando!


E ora vi lascio con tre  estratti veramenti sfiziosi, tratti dalla saga sci-fi “Star Heroes Chronicles” (attualmente composta da due volumi) di Angela e vi invito a leggerla, se non lo avete ancora fatto!




Estratto da Hunted

"Non mi aspettavo di scoprire che ci sono persone in grado di generare il fuoco, per non parlare di quelle che parlano agli alberi o spostano la terra. Non mi aspettavo che ci fosse un intero nuovo mondo nascosto in quello che già conosco.


Ero a un ballo, con indosso un vestito smesso di mia sorella e le mie comode Converse, e come Alice nel Paese delle Meraviglie, sono caduta in un buco per svegliarmi qui, dove niente sembra avere un senso e dove per la prima volta, ho conosciuto un dolore vero. Fino a questo momento, ho solo potuto immaginarlo."

***



Estratto da Vision

"Mi appiattisco contro un muro. Sotto di me un buco color acciaio.
Ormai sono certa che il pavimento non si fermerà. Manca poco meno di un metro alla caduta. Con gli occhi che mi escono fuori dalle orbite mi volto a guardare la mia famiglia.
È la fine. Sto per cadere. Riesco a pensare solo al fatto che sto per cadere. E ancora una volta nessun supereroe con il mantello rosso sulle spalle correrà a salvare questa sfigatissima Alice nel paese delle stramberie. 

Superman, sai che ti dico? Va’ a farti fottere!"

***
Estratto da Vision

"Non c’è niente di neanche lontanamente romantico in questo posto. Se non ci fosse Kevan.
Le pareti ingrigite sarebbero desolanti, se non ci fosse Kevan.
La finestra con i vetri unti risulterebbe disgustosa, se non ci fosse Kevan.
La piccola stufa elettrica abbandonata in un angolo, addossata alla parete come se fosse in castigo, farebbe pena, se non ci fosse Kevan.
Il pavimento di parquet scheggiato, rigato per la maggior parte della sua superficie, sarebbe davvero triste, se non ci fosse Kevan.

Se non ci fosse, ma lui c’è. Ed è qui con me. Mi tiene ancora la mano, più stretta di prima. Mi guarda come se fossi la luce di questo faro, la guida verso il sicuro porto delle mie braccia."

***
_
_
_
_


Ps anche la pagina musicale del blog oggi si adatta al genere analizzato in questo post con una canzone davvero particolare, date un’occhiata: “Song of the Week”

Nessun commento:

Posta un commento